Documenti Pontefici

gmg-2011.jpg“In un momento in cui l’Europa ha grande bisogno di ritrovare le sue radici cristiane, ci siamo dati appuntamento a Madrid. Vi invito a questo evento così importante per la Chiesa in Europa e per la Chiesa universale. E vorrei che tutti i giovani potessero vivere questa esperienza, che può essere decisiva per la vita: l’esperienza del Signore Gesù risorto e vivo e del suo amore per ciascuno di noi”. E’ l’invito ai giovani con cui Benedetto XVI apre il suo Messaggio per la Gmg di Madrid (16-21 agosto 2011) diffuso oggi dalla Santa Sede. Partendo dal tema, “Radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede”, il Papa ricorda che “numerosi giovani sentono il profondo desiderio che le relazioni tra le persone siano vissute nella verità e nella solidarietà”. La gioventù, scrive Benedetto XVI ricordando la sua giovinezza, rimane “l’età in cui si è alla ricerca della vita più grande. È parte dell’essere giovane desiderare qualcosa di più della quotidianità regolare di un impiego sicuro e sentire l’anelito per ciò che è realmente grande. L’uomo è veramente creato per ciò che è grande, per l’infinito. Qualsiasi altra cosa è insufficiente. Il desiderio della vita più grande è un segno del fatto che ci ha creati Lui”. Per il Papa “è un controsenso pretendere di eliminare Dio per far vivere l’uomo. Eliminarlo equivale a privarsi della pienezza e della gioia”.

© SIR - 3 settembre 2010

Qui, sul sito diocesano, il testo completo del messaggio del Santo Padre alla GMG 2011

Pastorale Giovanile CEI

logppastgiov 143x150
SERVIZIO NAZIONALE PER LA PASTORALE GIOVANILE
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA
Visite agli articoli
1464769

Abbiamo 118 visitatori e nessun utente online